Emergenza COVID-19 Aiutiamo le Difese Immunitarie – Articolo elaborato da Dott. Daniele Parrello Prof a c. Università dell’Insubria – Varese Medico Chirurgo

CORONAVIRUS Covid19 : I PROBIOTICI PER RAFFORZARE E MODULARE LE NOSTRE DIFESE IMMUNITARIE

Il Dott. Daniele Parrello osserva da molti anni il complesso mondo dei probiotici per il benessere dei pazienti. Da sempre attento alle esigenze dei pazienti, lo scorso mese di marzo, a seguito dello stato di emergenza causato dal diffondersi del Coronavirus Covid19, il dott. Daniele Parrello ha condiviso anche gli aggiornamenti del Prof. Romeo (Consulente Scientifico Nazionale e Docente accreditato, presso il Ministero della Salute per corsi di formazione e di aggiornamento ECM sulla Disbiosi Intestinale ed i Probiotici dal 2009 ad oggi), importante e noto Medico ricercatore, dedicati al rafforzamento delle difese immunitarie mediante probiotico-terapia.

I probiotici sono microorganismi vivi di fermenti lattici Probiotici di eccellenza che se assunti in un quantitativo adeguato, apportano un beneficio alla salute del nostro organismo.

Questi probiotici sono facilmente reperibili in farmacia; esistono numerosi tipi di probiotici che vanno ad agire sulle differenti funzioni del nostro organismo.

Per aumentare le nostre difese immunitarie lo Studio del dott. Daniele Parrello consiglia l’assunzione di probiotici mirati per la difesa immunitaria, anche da Covid19, e per questo sarebbe opportuno affidarsi, per la tipologia dei fermenti lattici Probiotici da assumere e la relativa posologia per bambini e per adulti, al proprio Medico di fiducia.

Noi possiamo indicare la possibilità di assunzione dei probiotici di alta qualità per difenderci dal Covid19, come ad esempio: Enterelle, Citogenex, Bifiselle e Ramnoselle, la cui posologia viene consigliata per adulti e bambini dal proprio Medico di fiducia, così come per tutti i farmaci necessari prescritti.

Tutti i lattobatteri di alta qualità passano senza nessun problema la barriera gastrica. Questo proprio perché parliamo di veri batteri probiotici i quali sono addetti anche a modulare il giusto PH dello stomaco e dell’intestino, ricordando che questi batteri producono appunto acidofilia (un acido importantissimo) che serve per distruggere i batteri e virus patogeni. Inoltre, oggi è dimostrato che diversi batteri possano addirittura colonizzare l’ambiente gastrico.

E’ dimostrato scientificamente che il sistema immunitario è la nostra principale risorsa interna per preservarci dal COVID-19.
E’ inoltre, stato confermato il perché un’alimentazione povera di carboidrati e zuccheri semplici contribuisca a ostacolare l’azione nefasta del COVID-19.

Questo articolo vuole sottolineare l’importanza della funzione dei probiotici nel modulare e rafforzare le nostre difese immunitarie per la prevenzione degli stati patologici causati dal CORONAVIRUS COVID 19.

Apparato gastroenterico, “terzo cervello”

L’apparato gastroenterico è da considerare uno dei tre “cervelli” insieme all’encefalo e al cuore (il quale nell’accezione della Medicina Tradizionale Cinese è indicato comel’organo centrale del nostro sistema).

L’apparato gastroenterico, infatti, oltre a svolgere le più conosciute funzioni di digestione e assorbimento, produce sostanze biochimiche correlate agli stati d’animo,antidolorifiche, ansiolitiche ed endocrine; immagazzina ricordi ed è in grado, in collaborazione con gli altri due cervelli, di permetterci operazioni di gran rilevanza come, per esempio, prendere decisioni.

Tutto ciò è possibile grazie, anche, alla capacità di scambiare una mole enormed’informazioni con le altre parti del sistema e in particolare con l’encefalo. In realtà lapancia, avendo una sua complessa e indipendente organizzazione invia alla testa molte più informazioni di quante ne riceve.

Nel nostro apparato gastro-enterico, inoltre, vive una ricchissima e variegata florabatterica, fisiologicamente in simbiosi con noi; cioè tra essa e noi c’è uno scambioreciproco di favori e di vantaggi, non ultimo quello che determina una continua, efficace ed indispensabile stimolazione del nostro sistema immunitario.

Il microbiota

Nell’apparato gastroenterico, dunque, specialmente nell’intestino, vivono migliaia dimiliardi di microorganismi essenzialmente di natura batterica ma anche virus, funghi e protozoi. Questa variegata e numerosissima popolazione costituisce un sistema complesso che viene denominato Microbiota.

Il Microbiota svolge tali e tante funzioni da poter essere considerato un vero e proprio organo: esso, infatti, oltre a stimolare, rafforzare e modulare il sistema immunitario in modo diretto lo fa anche indirettamente mantenendo in salute e promuovendo una fluida comunicazione con gli altri organi e apparati del corpo.

Le difese immunitarie sono metaforicamente il nostro esercito e come le Forze Armate non sono una struttura separata dal resto della società, così il sistema immunitario, per poter svolgere appieno le sue preziose funzioni, ha bisognodell’apporto dell’intero organismo.

Nel caso specifico del Corona Virus si sottolinea in particolare l’asse intestino- cervello e intestino-apparato respiratorio.

Asse intestino-cervello

Un proficuo, continuo e fluido rapporto tra intestino e sistema neuro psicologico è fondamentale per un ottimo funzionamento delle difese immunitarie. Il “comandopolitico-militare” del sistema immunitario è, infatti, rappresentato dal sistema nervoso, che lo coordina in tutte le sue azioni. Infatti, esso opera in strettissimo contatto con le fibre nervose le quali innervano, tramite sinapsi (cioè collegamenti diretti) NeuroImmunitarie, importanti strutture difensive quali il timo, il midollo osseo, i linfonodi, la milza e il tessuto linfoide intestinale.

La funzionalità del sistema immunitario è, inoltre, notoriamente collegata al benessere psichico: condizioni di profonda prostrazione dovute, ad esempio, a statiansiosi e depressivi ne diminuiscono considerevolmente l’efficienza.

Asse intestino-apparato respiratorio

Questo aspetto è particolarmente rilevante per ciò che riguarda l’epidemia da Covid19; infatti il virus colpisce principalmente il tratto respiratorio inferiore e nella forma più grave può causare polmonite che a sua volta può esitare in una sindrome da distress respiratorio acuto.

È acclarata, infatti, l’esistenza di una correlazione tra microbiota intestinale eapparato respiratorio.
Numerosissimi studi evidenziano, in effetti, la partecipazione delle alterazioni del microbiota nel con-causare patologie polmonari come asma, allergie respiratorie fibrosi cistica, broncopneumopatia cronica ostruttiva, e tumore ai polmoni. Queste alterazioni nella composizione batterica e metabolica del microbiota sarebbero correlate a disregolazione e depotenziamento della risposta immunitaria e infiammatoria.

La funzione dei probiotici

Sono molti i fattori che destabilizzano la corretta composizione del microbiota; elementi che purtroppo operano con frequenza e quantità massiccia nella era contemporanea: una alimentazione troppo ricca di carboidrati e zuccheri semplici, la presenza nei cibi di coloranti – additivi – conservanti – pesticidi, il distress, l’abuso difarmaci di sintesi, le dipendenze da alcool – sostanze stupefacenti – tabacco, inquinanti ambientali etc.

Oltre ad evitare il più possibile i fattori negativi sopra citati è realizzabile avvalersi dei PROBIOTICI oggi particolarmente consigliabili per i suddetti motivi come prevenzione nel corso della pandemia da Coronavirus.

I probiotici sono “integratori” a base di microorganismi vivi e naturalmente presentiall’interno del sistema gastroenterico al fine del ripristino e del mantenimento dellaeubiosi cioè della presenza di una corretta flora intestinale.

Per ottenere risultati ottimali bisogna affidarsi a probiotici di qualità e da questo punto di vista la nostra esperienza clinica ci porta a consigliare ad esempio quelli della Bromatech e/o quelli della Nutrigea (che contengono anche l’Alga Klamath).

È opportuno tenere presente che i prodotti nutraceutici derivanti dalla Alga Klamath e i Probiotici per poter svolgere al meglio la loro funzione devono essere in ogni caso prescritti dal proprio Medico di fiducia ed essere inseriti in una globale strategia terapeutica e salutistica.

IN OGNI CASO RICORDARE SEMPRE LE SEGUENTI RACCOMANDAZIONI GENERALI PER L’ IGIENE E LA PREVENZIONE DEL MINISTERO DELLA SALUTE:

1) E’ opportuno essere sempre informati ed aggiornati sulla diffusione della pandemia Covid19 da fonti ufficiali.

2) Lavarsi molto spesso le mani in modo accurato.

3) Evitare il contatto ravvicinato con persone che soffrono di infezioni respiratorie acute.

4) Evitare abbracci e strette di mano.

5) Mantenimento, nei contatti sociali, di una distanza interpersonale di almeno un metro e mezzo.

6) Igiene respiratoria (starnutire e/o tossire in un fazzoletto o nella piega del gomito evitando il contatto delle mani con le secrezioni respiratorie).

7) Evitare l’uso promiscuo di bottiglie e bicchieri • Non toccarsi occhi, naso e boccacon le mani.

8) Coprirsi sempre la bocca e il naso se si starnutisce o tossisce.

9) Non prendere farmaci antivirali e antibiotici, a meno che siano prescritti dal proprio Medico di fiducia.

10) Pulire frequentemente tutte le superfici con disinfettanti a base di cloro o alcol/cellulare e accessori inclusi.

11) Utilizzare la mascherina sempre, soprattutto se si sospetta di essere malati o se si presta assistenza a persone malate.

Se si presentano sintomi come febbre, tosse o difficoltà respiratorie e sospetti di essere stato in stretto contatto con una persona affetta da malattia respiratoria Covid-19, è opportuno rimanere in casa, non recarsi al pronto soccorso o presso gli Studi Medici ma chiamare immediatamente al telefono il proprio Medico di famiglia, il proprio Pediatra di riferimento o in alternativa la Guardia Medica.

In alternativa chiamare il numero verde regionale. Utilizzare i numeri di emergenza 112/118 , soltanto se strettamente necessario.